Superbonus 110 Sicuro Giacomini.
Il comfort è scontato!

Sei un installatore? Proponi al tuo Cliente di riqualificare casa con il SuperEcobonus partendo dalla sostituzione dell’impianto di climatizzazione esistente con un sistema radiante Giacomini: con la consulenza tecnico-fiscale del servizio Giacomini potrai applicare sconto in fattura totale, coinvolgere con le stesse modalità gli interventi realizzati da altri fornitori (isolamenti, infissi, fotovoltaico), cedere il tuo credito direttamente a Giacomini.

Superbonus 110 Sicuro Giacomini.
Il comfort è scontato!

Sei un installatore? Proponi al tuo Cliente di riqualificare casa con il SuperEcobonus partendo dalla sostituzione dell’impianto di climatizzazione esistente con un sistema radiante Giacomini: con la consulenza tecnico-fiscale del servizio Giacomini potrai applicare sconto in fattura totale, coinvolgere con le stesse modalità gli interventi realizzati da altri fornitori (isolamenti, infissi, fotovoltaico), cedere il tuo credito direttamente a Giacomini.

Scopri il pacchetto Giacomini

Superbonus 110%: ultimi aggiornamenti

Il Decreto Rilancio (DL 34/2020), emanato dal Governo a sostegno dell’economia a seguito dell’emergenza epidemiologica dovuta al Coronavirus e approvato definitivamente con la legge 77/2020, ha introdotto il cosiddetto Superbonus, una detrazione fiscale pari al 110% delle spese relative a specifici interventi di efficienza energetica (anche attraverso interventi di demolizione e ricostruzione) e di misure antisismiche sugli edifici (anche per la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo a fini antisismici).

Il nuovo incentivo si affianca, integra e potenzia la precedente normativa in materia: Ecobonus e Sismabonus.

La detrazione è ripartita dagli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo (4 a partire dal 01/01/2022). Alternative alla detrazione sono lo sconto in fattura oppure la cessione del credito.

Il contribuente fruisce del credito d’imposta attraverso una decurtazione dell’importo della fattura da pagare al fornitore appunto sotto forma di sconto. A quanto può arrivare lo sconto? Fino al 100% dell’ammontare da corrispondere, per cui il 10% di maggiorazione sulla parte scontata spetta al fornitore. L’impresa che fa i lavori vede poi trasformare lo sconto in credito fiscale e potrà a sua volta cederlo a terzi.

Bonus Sicuro Giacomini si basa sull’effettuazione dello sconto in fattura da parte di tutte le imprese legate al cantiere. Il Committente fruisce del credito d’imposta attraverso una decurtazione dell’importo in questione direttamente dalla fattura da pagare a ciascun fornitore, appunto sotto forma di sconto 100%. Per ciascun intervento Giacomini ritirerà il credito fiscale. Ciascuna impresa che ha effettuato i lavori vede poi trasformare lo sconto applicato in credito fiscale e potrà a sua volta cederlo a Giacomini.

Vai al pacchetto Bonus Sicuro Giacomini
Può essere disposta in favore:
  • dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi
  • di altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti)
  • di istituti di credito e intermediari finanziari.
  • I soggetti che ricevono il credito hanno, a loro volta, la facoltà di cessione.

La detrazione può essere chiesta per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente sostenute dal 1° luglio 2020 fino al 30 giugno 2022 (nuovo termine introdotto dal comma 66 della legge di bilancio 2021) per interventi effettuati sulle parti comuni di edifici condominiali su unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall'esterno, site all'interno di edifici plurifamiliari, nonché sulle singole unità immobiliari (fino ad un massimo di due).

Un'unità immobiliare può ritenersi funzionalmente indipendente qualora sia dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva: impianti per l'approvvigionamento idrico; impianti per il gas; impianti per l'energia elettrica; impianto di climatizzazione invernale.

Il termine per fruire dell'agevolazione fiscale di riqualificazione energetica viene inoltre esteso:

  • fino al 31 dicembre 2022 per gli interventi effettuati dai condomini per i quali alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell'intervento complessivo
  • fino al 31 dicembre 2022 per gli interventi effettuati dagli istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati.
  • fino al 30 giugno 2023 per gli interventi effettuati dagli IACP, per i quali alla data del 31 dicembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell'intervento complessivo.

Chi può usufruirne?

Il Superbonus 110% può essere richiesto da:

Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento: l’utilizzo delle detrazioni è ammesso su al massimo due unità immobiliari

Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, con riferimento agli interventi su edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche (in base alla Legge di Bilancio 2021)

Condomini

Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti assimilabili

Cooperative di abitazione a proprietà indivisa

Terzo settore, Onlus e associazioni di volontariato

Associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi

Non sono contemplate unità immobiliari residenziali appartenenti alle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).

È necessario un titolo idoneo!

  • Proprietario
  • Nudo proprietario
  • Titolare di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • Detentore in regolare contratto registrato di locazione, leasing, comodato
  • Promissario acquirente
  • Convivente

È comunque necessario il consenso scritto del proprietario.

Gli interventi agevolabili: trainanti e trainati

Possono usufruire del Superbonus i seguenti interventi trainanti:

Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l'involucro degli edifici (c.d. cappotto termico), compresi quelli unifamiliari, con un'incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo o dell'unità immobiliare funzionalmente indipendente e che disponga di uno o più accessi autonomi dall'esterno, sita all'interno di edifici plurifamiliari. NB - Il comma 66 della legge di bilancio 2021 fa rientrare nella disciplina agevolativa anche agli interventi per la coibentazione del tetto, senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente;
Interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, o con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari funzionalmente indipendenti e che dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno site all'interno di edifici plurifamiliari;
Interventi di adeguamento antisismico degli edifici, comprese spese sostenute pel la classificazione e verifica sismica degli immobili e per l’installazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo a fini antisismici.

La misura potenziata del 110% si applica (ai sensi del comma 2 dell’art. 119 del DL 24/2020) anche ad altri interventi di efficientamento energetico, nei limiti di spesa previsti per ciascuno di questi, e a condizione che quest’ultimi siano eseguiti congiuntamente ad uno degli interventi trainanti. L’effetto di traino, oltre all’aliquota maggiorata, si estende anche alla possibilità di ridurre il periodo di detrazione.

Le date delle spese sostenute per gli interventi trainati sono ricomprese nell'intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi trainanti: solo in tal caso agli interventi trainati si applica la medesima percentuale di detrazione degli interventi trainanti.

Gli interventi secondari o trainati da quelli principali o trainanti:

  • interventi di riqualificazione energetica dell’involucro edilizio compresi serramenti, infissi e schermature solari
  • installazione di pannelli solari termici
  • acquisto e posa in opera di impianti a biomassa o di micro-cogeneratori
  • acquisto e posa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto dell’impianto di riscaldamento o climatizzazione (Building Automation)
  • interventi di installazione impianti solari fotovoltaici
  • installazione, contestuale o successiva a quella dell’impianto fotovoltaico, di sistemi di accumulo integrati
  • interventi di installazione colonnine di ricarica per veicoli elettrici
  • interventi di eliminazione di barriere architettoniche

Non risultano trainati i seguenti interventi afferenti ad altre categorie di incentivi:

  • Bonus ristrutturazioni
  • Bonus mobili
  • Bonus verde
  • Bonus facciate

Le agevolazioni sono ammesse anche nell’ambito di interventi di demolizione e ricostruzione.

L’intervento, in ogni caso, deve riguardare edifici o unità immobiliari esistenti (accatastato o con domanda di accatastamento e sul quale vengono pagati i tributi dovuti) e dotati di impianto di riscaldamento (funzionante o facilmente riattivabile). Tali immobili devono avere destinazione residenziale (tranne eccezioni di interventi eseguiti su interi edifici avente comunque prevalente destinazione residenziale).

L’intervento di efficientamento energetico complessivo deve garantire il miglioramento di almeno 2 classi energetiche o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

Pensi di non rientrare nei requisiti per accedere al Superbonus 110?

Scopri i bonus alternativi

I limiti di spesa del Superbonus 110%

I limiti di spesa ammessi alla detrazione variano a seconda del tipo di intervento e degli edifici oggetto dei lavori. L'importo massimo di detrazione spettante si riferisce ai singoli interventi agevolabili ed è imputato all'unità immobiliare oggetto dell'intervento: il bonus, quindi, andrà suddiviso tra i soggetti detentori o possessori dell'immobile che partecipano alla spesa sulla base delle somme versate da ciascuno e documentate.

Nel caso in cui sul medesimo edificio siano effettuati più interventi agevolabili, il limite massimo di spesa detraibile sarà costituito dalla somma degli importi previsti per ciascuno di essi.

Esempio per SuperEcobonus:

  • (Trainante) Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza
    Spesa massima: 27.272,72 (detrazione 30.000 €)
  • (Trainato) Acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi
    Spesa massima: 54.545,45 (detrazione 60.000 €)
  • (Trainato) Acquisto e posa in opera di schermature solari
    Spesa massima: 54.545,45 (detrazione 60.000 €)
  • (Trainato) Installazione di impianti solari fotovoltaici
    Spesa massima: 48.000,00 (detrazione 52.800 €)
La guida dell’Agenzia delle Entrate stabilisce che la detrazione si applica anche a:
  • spese di smaltimento, dismissione o bonifica dell’impianto sostituito
  • spese funzionali all’esecuzione dell’intervento, quali l’acquisto di materiali, installazione di ponteggi, smaltimento dei materiali rimossi
  • la progettazione e le spese professionali, perizie
  • parziale o totale fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione, a regola d’arte, di impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi sulla rete di distribuzione, sui sistemi di trattamento dell’acqua, sui dispositivi di controllo e regolazione nonché sui sistemi di emissione;
  • installazione massetti (per sistemi radianti a pavimento).
  • Iva, imposta di bollo, diritti sui titoli abilitativi edilizi.

A chi bisogna affidarsi?

L’agevolazione del Superbonus rappresenta a prima vista un’opportunità irrinunciabile: attenzione, però, che i lavori collegati all’incentivo sono complessi ed i paletti normativi numerosi. È necessario, quindi, affidarsi a professionisti non solo competenti ma anche abilitati ad esercitare certe attività.

Le figure professionali necessarie:

  • Architetto o geometra per il progetto di riqualificazione dell’immobile, partendo dalla verifica della regolarità urbanistica dell’immobile oggetto di intervento, alla predisposizione di tutte le concessioni, autorizzazioni e comunicazioni eventualmente necessarie alla gestione del cantiere.
  • Ingegnere, architetto o geometra per dirigere i lavori da affidare a una o più imprese, come avviene abitualmente per ogni cantiere. Il tecnico dovrà coordinare tutti gli interventi in sicurezza
  • Termotecnico specializzato che possa fare una valutazione della classe energetica dell’immobile su cui si vuole intervenire. Il tecnico può consigliare quali siano gli interventi attuabili per raggiungere il miglioramento delle due classi energetiche. Si incarica dell’APE (Attestato di Prestazione Energetica) pre e post intervento.
  • Un tecnico accreditato che si occupi dell’asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché ella congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. L'asseverazione è rilasciata al termine dei lavori e attesta i requisiti tecnici sulla base del progetto e della effettiva realizzazione. Per gli interventi di miglioramento energetico ammessi al superbonus, ai fini dell'asseverazione della congruità delle spese si fa riferimento ai prezzari individuati dal citato decreto del Mise del 6 agosto 2020.
  • Un esperto fiscale abilitato (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) che, ai fini dell'opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura rilasci il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al Superbonus: il soggetto che rilascia il visto di conformità verifica la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti incaricati.
Con Bonus Sicuro Giacomini asseverazione e visto di conformità sono inclusi nel pacchetto tecnico-fiscale.

Il pacchetto Bonus Sicuro Giacomini: una squadra completa al lavoro!

Ci rivolgiamo all’installatore idraulico, in contatto con un committente intenzionato a ristrutturare a costo praticamente zero grazie al SuperEcobonus o Ecobonus 110% partendo dall’intervento trainante di sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente con un sistema radiante Giacomini.

Sicuro, perché:

  • Tu, installatore, hai il supporto tecnico e fiscale di un Pool di professionisti di provata esperienza in materia tecnico-fiscale che ti guideranno in modo sicuro tra le procedure insidiose del Superbonus
  • Tu, installatore, hai la sicurezza del ritiro immediato del credito da parte di Giacomini
  • Il tuo Cliente con lo sconto in fattura ha la sicurezza della convenienza economica immediata
La nostra consulenza si rivolge all’efficientamento energetico di piccoli edifici autonomi, dove l’utilizzo della nostra tecnologia radiante agevola decisamente la riqualificazione e permette di conseguire un comfort ineguagliabile.

La tipologia di immobile ideale per la nostra attività è l’edificio unico funzionalmente autonomo, oppure le 2/4 unità immobiliari distintamente accatastate di unico proprietario.

Con il programma Bonus Sicuro, Giacomini si occuperà di ritirare direttamente il credito, sia per quanto riguarda le opere dell’installatore, sia per gli interventi realizzati da altre imprese (serramentista, impresa edile per isolamenti, fotovoltaico, ecc.).


I MUST per accedere al pacchetto sono:

Installazione di un sistema radiante Giacomini (a pavimento o a soffitto)

Sconto in fattura e cessione del credito da parte di tutte le imprese coinvolte

Asseverazione unica e visto di conformità forniti dai nostri partner di fiducia C2R Energy Consulting e BDO

Fatture relative alla prestazione totale, senza SAL intermedi

No Sismabonus, solo interventi di efficientamento energetico

Oltre a questi MUST specifici per l’accesso al nostro pacchetto, al fine di ottenere l’incentivo potenziato, sarà ovviamente necessario ottenere il doppio salto di classe energetica e rispettare tutti i requisiti normativi.

Come funziona il nostro gioco di squadra in 10 passaggi

1

L’Installatore idraulico:

  • Promuove il pacchetto Bonus Sicuro Giacomini presso i Committenti privati, coinvolge i progettisti e le altre imprese scelti dal cliente.
  • Raccoglie i documenti necessari per lo svolgimento delle pratiche e li consegna al Distributore partner per il caricamento in piattaforma.
2

Il Distributore Partner:

  • Riceve tutti i documenti dall’installatore e li carica a portale per ciascuna pratica.
  • Fornisce, come al solito, l’impianto radiante Giacomini all’installatore
3

C2R Energy Consulting si impegna contrattualmente con il Committente per l’erogazione del servizio tecnico-fiscale articolato in:

  • Prevalutazione Superbonus: passo obbligatorio e propedeutico all’apertura corretta della pratica, è volta a stabilire l’esistenza di tutti i requisiti per l’accesso al SuperEcobonus. Somma non rimborsabile in caso di esito negativo, convertibile eventualmente in pratica Ecobonus
  • Pratica Superbonus: con Prevalutazione positiva, si accede al servizio di asseverazione unica e visto di conformità. Prestazione scontata in fattura al 100%.
  • Elencazione di tutti i documenti necessari per i vari servizi (check-list) e le tempistiche di erogazione
4

L’Installatore idraulico, altre imprese e i progettisti

  • Si impegnano contrattualmente con il Committente per l’importo dei lavori/prestazioni e per la cessione del credito mediante sconto in fattura
  • Si impegnano contrattualmente con Giacomini per la cessione del credito maturato dai lavori
5

Il cantiere si attiva, lavora, si chiudono i lavori (NO SAL parziali)

6

L’Installatore:

  • raccoglie le varie fatture delle aziende/professionisti coinvolti nel cantiere (una fattura unica per azienda, NO fatture spezzettate). Ciascuna fattura prevede lo sconto totale (entro i massimali di spesa previsti per ogni specifico intervento)
  • raccoglie documentazione tecnica e altri documenti richiesti per lo svolgimento della pratica
  • consegna al Distributore tutta la documentazione
7

Il Distributore carica sul portale Giacomini tutta la documentazione richiesta

8

I nostri partner C2R Energy Consulting e BDO fanno le necessarie verifiche, rilasciano asseverazione unica sul portale ENEA e visto di conformità

9

Il credito si materializzerà nei cassetti fiscali dell’installatore, dei professionisti e delle altre imprese coinvolte. Ognuno dei questi accederà al proprio cassetto fiscale, selezionerà il credito e lo invierà a Giacomini.

10

Giacomini riceverà il credito nel suo cassetto fiscale, farà le dovute riconciliazioni e predisporrà i bonifici per tutti agli attori coinvolti nella riqualificazione.

Sei un installatore professionale (con Partita IVA) e vuoi conoscere meglio il Superbonus Giacomini?
Contatta il tuo Responsabile Vendite di Zona.

Contatta un responsabile

Se non si riuscisse a rientrare nei parametri del Superbonus? O se si volesse usufruire dell’Ecobonus?

Il nostro pacchetto Bonus Sicuro Giacomini si applica anche in caso di Ecobonus.

Il punto di partenza è sempre lo stesso: intervento di sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente con un sistema radiante Giacomini.

Giacomini si occuperà di ritirare direttamente il credito relativo agli interventi del SOLO installatore idraulico.

L’Ecobonus può essere richiesto da una platea più larga di contribuenti che risultino possessori di un immobile in favore del quale vengono posti in essere lavori finalizzati al risparmio energetico:

  • persone fisiche ovvero: titolari di un diritto reale sull’immobile, condomini per gli interventi sulle parti comuni, inquilini, coloro che possiedono un immobile in comodato, familiari o conviventi che sostengono le spese;
  • contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • associazioni tra professionisti;
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale;

Condizione indispensabile per fruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per l’attività d’impresa o professionale). Non sono ammesse in detrazione le spese sostenute in corso di costruzione di un nuovo immobile.

I MUST per accedere al pacchetto sono:

Installazione di un sistema radiante Giacomini (a pavimento o a soffitto)

Sconto in fattura e cessione del credito all’installatore idraulico e, da questi, a Giacomini

Asseverazione sul rispetto massimali di costo unitari, comunicazione ad ENEA e all’Agenzia delle Entrate di opzione sconto in fattura effettuata dai nostri partner C2R Energy Consulting e BDO

Lo sconto in fattura può essere del 65% o del 50% a seconda del generatore di calore utilizzato. La parte residua viene pagata direttamente da Committente tramite bonifico parlante.

Gli interventi agevolati, effettuati dall’installatore idraulico, possono essere:

  • Interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con un sistema radiante Giacomini
  • Installazione di pannelli solari
  • Acquisto e posa in opera di impianti a biomassa o di micro-cogeneratori
  • Acquisto e posa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto dell’impianto di riscaldamento o climatizzazione (Building Automation)
  • Interventi di rifacimento impianti tecnologici e idraulici in ambito Bonus Ristrutturazioni (esempio, rifacimento bagni) con detrazione 50%.

Sei un installatore professionale (con Partita IVA) e vuoi più informazioni sui bonus Giacomini?
Contatta il tuo Responsabile Vendite di Zona.

Contatta un responsabile